Oggi spopolano gli e-book: dei tablet in cui si possono leggere molti libri dopo averli comprati sul play store ad un prezzo più economico dei libri cartacei, o dopo averli scaricati gratis in formato Pdf.
Alcuni utilizzano i libri cartacei perché preferiscono sfogliare le pagine ruvide della carta, sentirne il profumo della stampa e vedere tutti i libri allineati sulla propria libreria.
Secondo altri, invece, gli e-book sono molto comodi perché occupano poco spazio e sono leggeri da poterli portare in borsa, e puoi avere anche più di un libro contemporaneamente. Inoltre, se mentre stai leggendo non capisci il significato di una parola, ti basta cliccarci sopra e ti appare il suo significato, senza che tu vada a guardarlo nel dizionario.
Si possono anche aggiungere degli appunti: ovvero, se ti piace in particolare una frase, puoi aggiungere un commento o una nota, o anche un segnalibro.
Una parte di noi preferisce quelli cartacei perché vuole essere fedele alla carta, nel senso che non vuole perdere quel contatto che si ha quando si legge e quando si tiene il libro in mano e pensare che lì dentro c’è la storia che hai appena letto, o che stai leggendo, e non avere tante come nell’e-book, ma sapere che quella è unica.
Un’altra parte di noi preferisce gli e-book anche per un motivo ecologico-ambientale ed economico, perché così non si tagliano gli alberi per la carta e costano così di mano.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account