“Ci sono due tipi di libro, quelli da consultare e quelli da leggere. I primi occupano molto posto in casa, son difficili da manovrare, e sono costosi. Essi potranno essere sostituiti da dischi multimediali, così si libererà spazio. I libri da leggere non potranno essere sostituiti da alcun aggeggio elettronico. Son fatti per essere presi in mano, anche a letto, anche in barca, anche là dove non ci sono spine elettriche, anche dove e quando qualsiasi batteria si è scaricata, possono essere sottolineati, sopportano orecchie e segnalibri, possono essere lasciati cadere per terra o abbandonati aperti sul petto o sulle ginocchia quando ci prende il sonno.”
Ecco ciò che scrive Umberto Eco a riguardo.
Sono d’accordo, in quanto non esiste sensazione migliore nel sentire la ruvidezza delle pagine dei libri sotto le nostre dita, oppure l’odore che hanno appena nuovi.
Esiste cosa più bella?
Io amo da sempre leggere, amo collezionare i libri e tenerli nella mia libreria, amo vedere i libri sottolineati, consumati.
La tecnologia non riuscirà mai a sostituire tutto questo, perché non sarebbe la stessa cosa leggere su uno schermo.

0
1 Comment
  1. aliceca00 5 anni ago

    Ciao cristinasivi dalla redazione Cervelli in fuga!
    Ho letto il tuo articolo e lo trovo molto interessante e ben strutturato. Sono d’accordo con te sull’argomento, poich

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account