I primi libri scritti risalgono a molto tempo fa e la loro nascita e diffusione era stata considerata una vera e propria scoperta, un grande passo per le generazioni presenti e future.
Agli inizi, quindi, il potersi comprare un libro da leggere era considerato un vero e proprio privilegio. Con la conseguente nascita delle macchine da scrivere, e molti anni dopo anche dei primi computer, la stampa dei libri si diffuse e così anche il loro utilizzo.
Dalla loro comparsa sul mercato sono diventati nostri “compagni” di svago e divertimento, nel caso della lettura personale, o di strumento di studio nel caso dei libri scolastici.
Come potevamo pensare che un libro di carta potesse essere sostituito con qualcosa di digitale? Il mondo va avanti e progredisce sempre di più e in modo particolare proprio nel campo informatico e tecnologico.
Si è arrivati quindi alla nascita dei primi libri su PC o strumenti informatici apposta per la lettura di libri: gli e-book.
Gli e-book sono una novità moderna e il loro utilizzo sta aumentando, negli ultimi anni, grazie a ragazzi e giovani lettori sempre più all’avanguardia.
Logicamente non si può pensare che un anziano signore preferisca mettersi a leggere sul PC quando ha la possibilità di continuare a farlo come sempre con davanti un bel libro.
Penso che la vendita e quindi la conseguente diffusione degli e-book andrà sempre più sviluppandosi ma che i libri cartacei non potranno mai essere sostituiti.
Chi vincerà quindi questa dura sfida? A parer mio rimarranno entrambi sul ring dando la possibilità al lettore di scegliere l’opzione che ritiene migliore.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account