Sono un tifoso del cartaceo, pur essendo nato nell’epoca del’estrema digitalizzazione non sopporto l’idea che tutto possa essere sempre “troppo” facile da reperire. La bellezza del leggere un libro sta anche nell’uscire di casa e andarlo ad acquistare immaginando, ancor prima di averlo aperto, il rumore delle pagine che vengono sfogliate. E’ anche bello sapere che questo libro, dopo averlo letto, guadagnerà un posto in uno scaffale della nostra libreria dove ogni giorno lo osserveremo ricordandoci le emozioni provate durante la lettura. Di certo non voglio dire che ottenere un libro debba essere un’impresa, sono soltanto turbato dal fatto che le attese della nostra vita risiedano tutte nella parola “DOWNLOAD”.
Da un altro punto di vista è necessario rendersi conto di quanto si ridurrebbe l’utilizzo, o anche spreco se vogliamo, di carta adottando gli ebooks. E se sono anche stupende le librerie, talvolta è facile apprendere di come lo spazio nella nostra epoca sia fondamentale. Un’intera libreria personale potrebbe occupare lo spazio di un tablet. Non sono considerazioni irrilevanti. Gli ebooks saranno secondo me il futuro, ma non riusciranno mai a privare totalmente il mondo del cartaceo.

0
Commenti
  1. stefania1999 5 anni ago

    Sono d’accordo con tutto ci

  2. hamid123 5 anni ago

    E’ proprio vero! oggi viviamo nell’era della tecnologia dove i libri sembrano essere superati, ma non

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account