In questo periodo la tecnologia sta prendendo sempre più spazio nella nostre vite anche grazie alla sua vastissima versatilità e comodità. Se nell’era dei tablet e dei cellulari il mondo dei libri era già in declino, con l’avvento dell’inchiostro elettronico sono sicuramente passati in secondo piano, almeno per quanto riguarda la lettura per piacere. Infatti i libri elettronici, i cosiddetti e-book, sono estremamente più comodi da gestire dei libri cartacei: si può acquistare il libro da casa comodamente e velocemente necessitando solo di una rete Wi-fi e di una carta di credito. Gli ebook dispongono di una serie di piccole comodità assolutamente non necessarie, ma che rendono la nostra vita quotidiana un po’ più semplice, come il dizionario integrato in cui basta premere la parola di cui si vuole conoscere il significato per aprire una nuova finestra di spiegazione. Bisogna anche aggiungere che gli ebook si leggono con comodità anche in posizioni in cui un libro normale non potrebbe stare, come ad esempio nel letto sdraiato su un fianco, e grazie all’inchiostro elettronico che non necessita di retroilluminazione si può leggere anche fuori con il sole e senza affaticare mai gli occhi.
Però c’è anche da dire che tanto sono comodi e utili in ambito ludico, quanto sono difficili da usare per la scuola e per l’apprendimento. Mancano ancora degli strumenti che li rendano equiparabili ai libri cartacei dove si può prendere appunti e dove si possono evidenziare comodamente le parti più importanti. Per questo credo che per ancora molti anni continueremo a vedere i nostri amati libri cartacei nelle scuole.
Tra cinquant’anni avremo una prevalenza di ebook, ma continueranno ad esistere comunque i libri cartacei e con essi le emozioni che trasmettono. Il libro infatti, durante la lettura suscita in noi emozioni e sensazioni, ma la vista di questo sul ripiano della libreria evoca ricordi, persone e sentimenti e spesso al suo interno conserva segreti.

0
Commenti
  1. federotulo 5 anni ago

    Un articolo molto ben scritto, hai una padronanza del linguaggio ottima e sai esattamente di cosa stai parlando, cos

  2. miristella 5 anni ago

    In realt

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account