Stiamo diventato tecnologici: il mondo che ci circonda è pieno zeppo di tecnologia, innovazioni e scoperte che portano l’abbandono delle cose precedenti. E la stessa sorta tocca ai libri. Quegli oggetti rettangolari che fondano le proprie radici in un passato remoto che è troppo lontano da ricordare e nessuno starebbe qui a leggere, sarebbe troppo noioso. Ma non per questo i libri devono essere considerati strumenti “superati”! Hanno dato tanto, anzi tantissimo e non meritano di essere gettati un un posto dove nessuno riesce a raggiungerli nuovamente. Si sta dimenticando il loro significato effettivo e lo si sta sostituendo con delle parole scritte su uno schermo troppo “intelligente” per far sì che passi inosservato. Sì, proprio così: gli e-Book; schermi che vanno a ruba. E solo perché? Perché nessuno preferisce un libro di carta, un libro che riesce a far uscire una sensazione, un’emozione al solo tocco di una pagina. Nessuno se ne rende conto. Ma non è mai troppo tardi.
Facciamo la differenza, non c’è bisogno di andare a presso alla “moda” …

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account