Negli ultimi anni i social network sono entrati prepotentemente nella vita di ogni persona e per tantissimi diventano ogni giorno sempre più importanti e fortemente condizionanti. Sono sempre di più, infatti, quelli che si fanno influenzare dai “mi piace” o dai vari commenti fatti alle proprie pubblicazioni sui social network. Ciò accade perché purtroppo talvolta capita di avere paura del giudizio della gente. Le scelte che facciamo molto spesso sono legate al pensiero della massa, è come se la nostra personalità venisse deviata e anche i comportamenti tendono a cambiare.
La nostra vita ormai è completamente dipendente dai social network. Il “mi piace” è diventato una vera e propria ossessione per gli adolescenti, e non solo, poiché è visto come un indice di popolarità che molte volte tende anche a rovinarci la reputazione. Si è arrivati al punto che per ricevere tanti “mi piace” si fanno davvero delle cose orribili. Ci sono persone che vivono in “attesa” dei “mi piace” per sentirsi considerate dagli altri e magari importanti; per loro pubblicare dei post diventa quasi un modo per attirare l’attenzione. I commenti dovrebbero rappresentare una forma democratica di espressione del proprio pensiero, ma spesso se ne fa un largo abuso e, nella maggior parte dei casi, finiscono per degenerare in mera violenza psicologica e volgarità.
Secondo me un ”mi piace” o un commento non possono cambiare in positivo la nostra vita, anzi spesso finiscono per rovinarla, dato che una qualsiasi opinione espressa sul web potrebbe apparire offensiva con il rischio di far soffrire la persona a cui è rivolta.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account