“Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle”. E’ proprio partendo da questa citazione che vorrei iniziare tale discussione. Effettivamente a tutti noi ci sarà capitato di avvertire la voglia di cambiare la propria vita. Quante volte la vita ci sorprende e cambia i nostri programmi? Possiamo desiderare di cambiare perché siamo insoddisfatti e vogliamo di più dalla nostra vita.
Perché certe nostre abitudini sono diventate insoddisfacenti e non sono più adatte a noi. Perché vogliamo raggiungere quell’obiettivo che ci siamo prefissati. Perché è arrivato il momento di vivere nuove esperienze, affrontare nuove sfide. Perché vorremmo guardarci allo specchio e vedere una nuova immagine di noi. Perché è giunto il tempo di cominciare una nuova attività. Il cambiamento però non è semplice, anzi, risulta essere molto più difficile di quanto sembri. Ci sono persone che preferirebbero morire piuttosto che cambiare. La pigrizia è comune a molti. Se cambiare richiede troppi sforzi o fatica, non solo fisica ma anche emotiva, ecco che si trovano giustificazioni e alibi per sabotare, evitare o rimandare il cambiamento. A meno che qualcosa, una situazione che si viene a creare, o un evento che accade all’improvviso, non ci costringa. Oppure soffriamo a tal punto da essere disposti a fare qualsiasi cosa per alleviare il dolore fisico o mentale, emotivo o economico, comunque abbastanza forte da farci entrare in azione.
Qualsiasi cambiamento non può che cominciare da noi stessi o meglio richiede, molto spesso, l’aiuto di terzi.
Cambiare richiede di guardare in noi stessi e decidere di agire. Modificare i nostri pensieri e comportamenti. E’ l’energia interiore che ci permette di superare le difese e le giustificazioni della mente. Compiere il primo passo è importantissimo… Ad ispirarci può essere un libro, un articolo, un corso, un seminario, un luogo, un incontro, una persona, una frase o una parola che sentiamo risuonarci dentro. Sapere cosa fare e farlo è ben diverso. Il cambiamento richiede l’azione.
Quando siamo disposti a cambiare veramente, possiamo farcela.
Nessuno può agire per noi: ognuno può trovare dentro di sé l’energia per realizzare il cambiamento che desidera. Quando accettiamo ciò che non possiamo cambiare, e ci impegniamo a cambiare ciò che è nelle nostre possibilità, siamo già sulla buona strada.
Il primo passo consiste nell’essere disposti a trasferire l’energia e gli sforzi che prima si impiegavano nel tentativo di cambiare gli altri o le situazioni, per cambiare noi stessi.
I cambiamenti che apportate alla vostra vita producono un cambiamento anche delle persone che vi stanno accanto, che potrebbero opporre resistenza o non essere d’accordo. Nonostante tutto,scegliete di cambiare per sentirvi meglio con voi stessi e non per piacere ad altri. La felicità personale è molto più importante del giudizio altrui!

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account