Siamo abituati a comparare il “cambio vita” al fuggire da qualcosa o da qualcuno e comunque da una realtà che non ci piace.
Il più delle volte non è così, chiaro che dipende dalla personalità di ognuno di noi.
E’ da ritenersi che sia più importante accettare e superare le sfide che ci vengono imposte dalla vita quotidiana in loco.
Fuggire da una realtà che non ci piace o dai problemi che non si riesce ad affrontare è un po come lo struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia; mollare tutto in questo caso non ci aiuterà a voltare pagina, perchè i problemi che non risolviamo ce li porteremo anche se dovessimo andare all’altro capo del mondo. Quindi se uno fugge per questi motivi è meglio che ci pensi su parecchio perchè sarebbe molto probabilmente un azzardo.
Realizzare il sogno di cambiare vita è tutt’altro. Se la persona in questione ha un lavoro, una casa e una vita sentimentale soddisfacente, ma ritiene di non trovarsi più a suo agio nel caotico luogo in cui vive, può anche decidere di trasferirsi in un luogo che ritiene più adatto alle sue esigenze.
Sarà più facile in queso caso che si trasferisca in coppia condividendo le emozioni con la sua dolce metà.
Ci sono persone che si trasferiscono calcolando bene quello che stanno facendo che è da ritenersi diverso dal decidere di girovagare per il mondo in autostop o con mezzi di fortuna.
Sarà anche bello e costruttivo per un bagaglio personale ma non è “cambiare vita”, visto che prima o poi questi ultimi dovranno tornare nel luogo da cui sono partiti o dovranno fermarsi dove meglio credono, ma senza aver gettato le basi per un cambio positivo.
Si ritiene che quando si decide di cambiare lo si decida per andare a stare meglio e questo è fattibile solo quando hai studiato per tempo il luogo dove deciderai di mettere radici.
Quindi fuggire è azzardo e sinonimo di codardia, mentre girare pagina rinunciando alle cose realizzate è da ritenersi un ” coronare un sogno”.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account