Gianluigi Schiavon, per Quotidiano Nazionale, ci parla di mollare tutto e cambiare vita. Alla base del viaggio è sempre presente il desiderio di conoscere e avventurarsi in nuove realtà diverse dalla propria, come Antonella e Stefano Sola che hanno lasciato tutto per nuova realtà della loro vita. Sono due giovani che hanno deciso di vivere solo con lo zaino in spalla e dieci euro al giorno in mano, due giovani che hanno avuto il coraggio per una nuova vita. Schiavon ci chiede: “mollare tutto e cambiare vita è per noi un sogno possibile o un azzardo? Secondo me mollare tutto e cambiare vita è la cosa più difficile per ognuno di noi però realizzare un sogno o un obiettivo non è impossibile e non è una cosa azzardata. Sono sicuramente certa che molti giovani di questa generazione ha sempre il sogno di viaggiare. Loro non viaggiano solo per visitare la città, entrare in contatto con culture diverse, vedere nuove paesaggi e conoscere nuove lingue. E secondo me durante ogni viaggio ci si libera dai pregiudizi, ci costringe a pensare che le differenze di ognuno di noi non sono così enormi. Secondo me si viaggia quando si sente il bisogno di scoprire noi se stessi e di prendere decisioni importanti. Il viaggio rappresenta un modo di arricchire la propria vita, emozioni e sentimenti. Perché per me viaggiare non è mollare tutto ciò che abbiamo, ma realizzare il proprio sogno, conoscere se stessi, aprire una nuova porta allo sconosciuto, guardare nuove albe, nuovi tramonti e con occhi nuovi per la ricerca di noi stessi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account