Quante volte ci siamo imbattuti in un senzatetto che chiedeva elemosina per strada e magari presi dalla compassione gli abbiamo regalato qualche moneta. Ebbene, recentemente, il sindaco di Verona Flavio Tosi ha deciso di sanzionare con una multa, che può ammontare fino a 500 euro, chiunque venga sorpreso a dare denaro a persone che chiedono elemosina per strada. Questa decisione può sembrare crudele nei confronti dei senzatetto, ma il sindaco ha riflettuto a fondo ed è giunto alla conclusione che la criminalità organizzata sfrutta gli accattoni.
La domanda che sorge spontanea è: “Come riconoscere i veri poveri da quelli sfruttati da organizzazioni criminali?”. Non si può. Dobbiamo giudicare noi a chi donare i nostri soldi, accettando il fatto che potrebbero finire nelle tasche degli sfruttatori.
Io vivo nel centro di Torino e conosco bene questo fenomeno. Infatti, ormai da anni, vedo sempre le stesse persone che chiedono l’elemosina nelle stesse zone. Questo mi fa pensare che siano forzati da qualcuno. Vedo anche molti bambini che dovrebbero essere a scuola e persone giovani che potrebbero cercarsi un lavoro che invece continuano a fare l’elemosina.
Quindi, posso dire che ritengo giusta la decisione del sindaco di Verona di multare chiunque dia denaro ai senzatetto. Contemporaneamente però si dovrebbero incentivare di più le organizzazioni che aiutano i poveri donando loro cibo, coperte e farmaci perché solo così li possiamo aiutare veramente e allo stesso tempo garantire a noi stessi di non finanziare nessun racket criminale.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account