Secondo alcune statistiche del 2014, 1 milione e 470 mila famiglie sono in condizione di povertà assoluta, ben il 5,7% di tutti i residenti italiani. Povertà assoluta è la categoria che classifica le famiglie in base all’incapacità o impossibilità di acquisire beni e servizi essenziali per vivere in modo minimamente accettabile.
A Verona, il sindaco, ha preso la decisione di multare, con cifre che vanno dai 25 ai 500 euro, i “cuori teneri”, ovvero le persone che alla vista di un essere umano che chiede l’elemosina cedono qualche spicciolo. “La criminalità organizzata sfrutta gli accattoni” queste le dichiarazioni del sindaco veronese Tosi, che giustifica le multe facendo notare che parecchi di questi si fingono poveri non essendolo realmente, ma sono perlopiù persone collegate a un racket organizzato per lo sfruttamento di minori, anziani e disabili. Come si riconosce un vero povero o un falso povero? Secondo me è impossibile, credo che sia una cosa giusta donare qualche spicciolo ma non credo che bisogna essere una cosa prolifica e da fare sempre. Le buone azioni vanno fatte, ma con un limite. Credo sia una cosa ingiusta multare coloro che donano qualche spicciolo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account