L’Italia degli infami.
L’Italia delle teste di cavolo.
Non sarà un termine da usare in tale contesto, ma permettetemi di dire che oramai siamo veramente “alla frutta”.
Non bastano già i soli problemi politico-economici, per non parlare di quelli culturali e sociali…Adesso anche chi cerca di aiutare i disagiati in un Paese disagiato già per sè, verrà punito.
Un’ordinanza per vietare di elargire somme in denaro a chi chiede l’elemosina nel centro storico di Verona e che fa parte di un racket organizzato per lo sfruttamento di minori, disabili e anziani.
Il provvedimento è stato emesso dal sindaco Flavio Tosi per contrastare l’incremento dell’attività di accattonaggio in città e prevenire i fenomeni illegali ad esso connessi.
Ma che senso ha multare chi dona un vero e proprio spicciolo dei propri beni se poi i soldi ricavati dalla multa verranno dati ai poveri stessi?
Forse i nostri politici dovrebbero ripassare un pò la filosofia di Aristotele e la concezione della logica per dare senso al loro pensiero.
Io veramente mi chiedo come si possa arrivare ad essere così…così diversamente intelligenti.
No, non è affatto giusto introdurre il divieto di elemosina in una nazione che ha perso da tempo il titolo di Bel Paese e che adesso farebbe meglio a mantenere quel briciolo di dignità che le è rimasto.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account