La povertà è un fenomeno molto diffuso nella società odierna che porta molta gente a chiedere

l’elemosina. L’accattonaggio è vietato fuori dalle chiese, bar, ristoranti e negozi. A Verona ha fatto

discutere l’ordinanza del sindaco Tosi che punisce coloro che fanno l’elemosina con importi pesanti

fino a 500 euro di multa.

Questo non lo trovo giusto, perché concerne solo la città e non la periferia. A mio parere, un’ordinanza

di questo tipo, se destinata ad essere valida, deve essere rispettata in ogni luogo.

La sensazione è stata quella di ripulire il centro per il buon nome della città, mentre, ad esempio, in

Borgo Roma, quartiere periferico, l’elemosina e la carità sono fattibili.

La guerra ai poveri, estesa anche nella vicina Padova, come in tutta Italia, funge come un’arma di

distrazione massiva per depistare l’attenzione dei cittadini da altre situazioni critiche che hanno colpito

vari lavoratori.

Sono convinta che questi temi sarebbero più importanti, che non preoccuparsi del decoro della città.

Nella mia piccola realtà, ho visto persone che si spacciavano per povere o con deficienze fisiche

quando in realtà non lo erano: fatti che infastidiscono e lasciano l’amaro in bocca.

Invece di fare l’elemosina con delle monete, perché non accettano con piacere del cibo o delle bevande?

Ognuno è libero, se lo crede, di contribuire con quello che può o che ha a disposizione data la

situazione non così favorevole che oggigiorno le famiglie vivono.

Per quanto mi riguarda, non concordo con le multe (anche se in alcuni casi potrebbero fermare

parzialmente questo fenomeno) ma proporrei maggiori centri di accoglienza per pasti caldi e ricoveri

serali.

Tutti abbiamo il diritto di vivere in maniera decorosa e sono convinta che i mezzi della nostra società

possono darci un aiuto ed aiutare le persone in difficoltà perché chi fa del bene riceverà del bene.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account