Nei giorni scorsi, a Verona, è stata emanata un’ordinanza contro la carità, cioè verrà multato chiunque sarà colto nel’atto di fare l’elemosina ai mendicanti. Le multe vanno dai 25 ai 500 euro ed i soldi raccolti con queste ammende verranno investiti dal comune nei servizi sociali. Quindi questi soldi non saranno destinati direttamente ai poveri . Questo viene fatto perché il sindaco di Verona, Flavio Tosi, sospetta che gli accattoni siano collegati a un racket organizzato per lo sfruttamento di minori, anziani e disabili. Io sono d’accordo col sindaco perché innumerevoli volte in televisione vediamo come molti accattoni fingano disabilità o la povertà per poter guadagnare con l’elemosina oppure utilizzino bambini per suscitare compassione nei passanti e quindi guadagnare sfruttando minori. Con ciò non dico che tutti gli accattoni siano finti e sfruttino minori ma comunque io consiglio a chiunque voglia fare un’opera di carità , di rivolgersi ad associazioni che si occupano dei poveri della propria città o nel mondo oppure di rivolgersi ad una chiesa che spesso propone collette per dare cibo e da bere a chi ne ha più bisogno.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account