In Italia i dati relativi alla povertà sono sconcertanti, nel nostro paese oltre otto milioni di persone vivono in povertà di cui tre milioni, ovvero il 5% della popolazione, in povertà assoluta.
Donare qualche centesimo ad una donna o ad un bambino che elemosinano fuori da una chiesa o per le strade della città ci sembra un gesto caritatevole che ognuno di noi ha il diritto di decidere quanto e se donare qualcosa.
Nella città citata dal giornalista del Quotidiano Nazionale, Verona, l’elemosina è stata vietata perché il sindaco sostiene che sia un modo per aiutare e facilitare la criminalità organizzata. Il rischio che si tratti di una forma di criminalità organizzata è molto elevato soprattutto nell’ultimo periodo dove la crisi sta colpendo in modo pesante tutte le classi sociali e per avere del denaro si arriverebbe anche a rubare.
Nessuno però può sapere come e dove verranno spesi i soldi.
Secondo me ognuno dovrebbe essere libero di fare quello che si sente, molte persone lo vedono solo come un gesto di carità che potrebbe dare un piccolo aiuto a delle persone che non hanno un pranzo assicurato tutti i giorni come noi.
Per quanto riguarda la nuova legge imposta dal sindaco, secondo me multare con cifre molto alte le persone che vogliono fare elemosina è sbagliato ma si potrebbe avvisare i cittadini sul pericolo cui potrebbero andare in contro.

0
1 Comment
  1. ricanews 5 anni ago

    Bello e ben sviluppato il tuo articolo, esposto in modo chiaro e scorrevole. Le idee da te espresse sono pienamente condivisibili, in quanto ciascuno dovrebbe essere libero di fare ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account