Negli ultimi anni sono sempre di più le persone per strada che chiedono l’elemosina. Queste sono però di diversa natura, non sono tutte uguali. La maggior parte sono zingari o extracomunitari che chiedono in modo insistente, a volte troppo, di dar loro una moneta perché a casa hanno una famiglia che ha bisogno di nutrire ecc. molti di questi purtroppo si rivelano essere disonesti ed imbroglioni, spesso coinvolti in veri e propri raket spietati che non lasciano tranquilli nemmeno i bambini. Purtroppo questa situazione porta molti ad essere sospettosi e diffidenti con queste persone. Bisogna inoltre ricordare che lo stato paga un assegno a queste persone per ciò che è necessario e sono inoltre disponibili molti centri per aiutare i bisognosi ed i senzatetto.
Un’altra categoria di mendicanti, che personalmente sono quelli che mi fanno stringere il cuore maggiormente, sono degli italiani di mezz’età che, a causa della crisi, hanno perso tutto. Queste persone, purtroppo, si ritrovano per strada a chiedere aiuto alle persone perché si trovano in una situazione disperata e non sano come uscirne, e purtroppo, per questi, l’assistenza fornita è meno efficace che per quelli del primo caso.
Il problema che però è stato presentato recentemente, è quello di multare coloro che danno l’elemosina ai mendicanti per strada. Per quanto io possa capire le motivazioni, sono completamente contraria a questa nuova multa. Ogni persona che possiede del denaro, ha diritto di utilizzarlo e spenderlo nel modo che preferisce maggiormente. Se questo significa darlo a dei mendicanti per strada, questa è una scelta sua personale, e multare qualcuno per un gesto di generosità verso il prossimo è una cosa scandalosa. Ognuno ha il diritto di pensare ciò che vuole, ma ha anche il diritto di dare denaro alle persone che reputa ne abbiano la necessità. Multare queste persone è come multare la loro libertà, oltre che incoraggiare le persone ad essere meno generose verso il prossimo.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account