Il vero problema che emerge da questo tema è se tutti i padroni amano il loro cane o se preferiscono sfruttarlo per concorsi di bellezza a fini economici.
Una recente ricerca avvenuta durante l’ultimo concorso di bellezza a Milano ha portato evidenti situazioni strane di mutilazione.
Alla mostra partecipavano 30000 cani e di questi 900 avevano subito un’operazione di mutilazione tramite certificazione veterinaria.
Come ricorda la legge 201 del 04 novembre 2010: ” È vietato tagliare code, orecchie e altre mutilazione hai cani non per fini terapeutici.”
Questo fatto ha scatenato un forte dibattito tra veterinari che hanno fatto aprire un inchiesta dei 900 cani operati con certificazione veterinaria.
A mio avviso questa è una prova più che evidente dello sfruttamento dei nostri amici a quarti zampe solo per vincere concorsi assurdi.
Infatti altre statistiche testimoniano approfonditamente dello sfruttamento solo per fini economici degli animali.
Qui riportiamo una statistica fornitaci dal giornalista del Quotidiano.net :
un cane di razza costa circa €2000, la mutilazione delle orecchie costa all’incirca €150, partecipando al concorso, solo si vince, il premio consiste in circa €80000.
Non sono d’accordo assolutamente con questo tipo di operazione per desiderio del padrone e non sicuramente per desiderio dell’animale.
I cani sono da sempre i migliori amici dell’uomo è come tali vanno tratti, non sono pupazzi con cui si vincono stupidi concorsi.
Sono d’accordo per operazioni di mutilazione strettamente necessari per il beneficio del nostro amico a quattro zampe.
Invito chiunque legga questo testo a unirsi a me per combattere questa ingiustizia verso animali che non sanno far altro che amare.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account