Nella società contemporanea si è arrivato in un punto in cui non si ha più tolleranza né rispetto verso altre persone e se ciò manca verso esseri della nostra stessa specie, come può esserci nei confronti degli animali?
Già dal Ventesimo secolo l’uomo è diventato puro consumatore, sono andati perduti tutti i valori che formavano l’essere umano e di conseguenza una società civile.
Si è passato da una società formale ad una società acquisitiva fondata sul desiderio di accumulo di ricchezza e per averla si fa di tutto, anche andare contro la legge è mutilare dei poveri cani che partecipano a dei concorsi e questo per cosa?
Per aumentarne il valore e venderli a prezzi molto elevati e fondare la propria ricchezza sull’illegalità, in cui non è percepibile neanche un minimo sentimento di soddisfazione personale.
Lo Stato con la legge del 201 del 4 novembre 2010 ha provveduto a fermare la mutilazione degli animali ma ciò nonostante avviene ancora e la colpa, oltre ad essere dei proprietari dei cani è anche di tutti quei veterinari che non vedono alcun male nella corruzione fin quando permette loro di aumentare le proprie entrate economiche.
Cosa ancora più stupida è il valore stesso dell’animale che aumenta se mutilato.
Ma tutto questo che senso ha?
La natura li ha fatti così, belli nel loro naturale stato ma l’uomo per egoismo è sempre pronto a sfigurare ogni cosa.
Un ulteriore iniziativa dovrebbe provenire da chi acquista questi cani: abbassarne il valore e l’offerta proposta per acquistarlo.

0
1 Comment
  1. mohamed2014 5 anni ago

    Ciaooo
    Complimenti, un gran bell’articolo, mi piacciono molto le immagini che racchiudono la bellezza di questi animali che sono colpiti da ingiustizie .
    Come si fa a tagliare le orecchie e le code agli animali?!
    Sono assolutamente d’accordo con le tue affermazioni
    Ancora un altro complimenti e ti saluto dalla redazione 2.0

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account