“La felicità dell’uomo moderno: guardare le vetrine e comprare tutto quello che può permettersi, in contanti o a rate.”
“I consumatori moderni possono etichettare sé stessi con questa formula: io sono = ciò che ho e ciò che consumo.”
Le parole di Erich Fromm, psicoanalista e sociologo tedesco, riassumo perfettamente la società moderna. Poco importa se le cose ci servano o meno, se siano di buona qualità o no, continueremo a comprarle per puro desiderio di possederle.
La pubblicità offusca ancora di più la nostra capacità di giudizio e aumenta il nostro desiderio di oggetti inutili e che molto spesso compriamo solo per poter essere invidiati, con soldi che non abbiamo. Che questi oggetti siano programmati per rompersi poco importa, basta averli, ogni modo quando si romperanno saranno già passati di moda e sarà tempo di comprare l’ultimissimo modello di smarthphone, tablet o qualsivoglia oggetto. Con difficoltà, e anche senza voglia, riusciremo a ribellarci.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account