Prima di spiegare il fenomeno dell’alcolismo diffuso fra i giovani vorrei parlare un po’ delle feste, queste oggi si dividono in varie categorie, per esempio una comitiva di ragazzi che si riunisce a casa di qualcuno per appunto festeggiare, oltre che fumare, (sigarette e non) ballare come folli a centro di stanza e provarci con una ragazza/o non ha molto da fare, quindi le ore passano con i soliti giochini alcolici utili al fegato per migliorarne la salute, e questa è la stessa cosa che avviene in tutti i locali, dove oltre che alcool spesso gira molto di più. Perché? Perché quando bevi, quando hai il bicchiere in mano davanti ai tuoi amici, quando ti scoli bottiglie dopo bottiglie ti senti accettato, alla moda, lo fanno tutti quindi lo faccio anche io e qui entra il concetto di diverso, chi è diverso quello che beve ma si contiene? Non si ubriaca? O forse non beve affatto, oppure il classico ragazzo col bicchiere in mano, perchè quello lì non è che sia normale, è solo facente parte della massa, e tra le caratteristiche della massa c’è anche ubriacarsi. È vero l’alcool, anche se non è necessario per divertirsi, per quello basta parlare e avere due amici, ti lascia andare e ti fa riflettere di meno, e questo i locali lo sanno, per questo fanno circolare di tutto al loro interno, però per poterti “rilassare” non c’è bisogno di sbronzarti, ogni cosa ha un suo limite e chi varca quel limite non solo distrugge se stesso ma anche gli altri, e la prova sono le innumerevoli vittime di strada causate da ubriaconi. La soluzione a questi scempi: nelle feste, nelle strade e nelle case non è il proibizionismo, un goccino o delle sigarette si possono accettare, a meno che non siamo a Bruxelles e allora vabene anche un po’ di marijuana, ma attenzione solo nei locali autorizzati e solo per i maggiorenni. La soluzione appunto è la frase che tutti i genitori responsabili ripetono ai figli, usare il cervello.

0
1 Comment
  1. valentinaa20 5 anni ago

    In tutto il mondo si sente parlare di alcolismo ma ancora oggi non si capisce perch

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account