È risaputo che è largamente diffuso l’uso degli alcolici in particolare modo tra i giovani tra i quindici e venti anni; questo perché si è diffusa la convinzione che non ci sia altro modo per divertirsi all’infuori di questo: bere fino a perdere il controllo di se stessi e quindi non rendersi conto dell’immagine che si da agli altri. Un esempio lampante di tutto ciò è dato da fenomeni come le olimpiadi della sbronza organizzate da studenti italiani, ossia una gara a chi riesce a bere una quantità maggiore di alcool senza mostrare segni di cedimento. Al di là di queste organizzazioni, il problema dell’alcolismo tra i giovani è molto diffuso e all’ordine del giorno: infatti, quasi ogni giorno sentiamo parlare di incidenti stradali a causa dell’alto tasso di alcol consumato prima di mettersi alla guida. Tuttavia, non è una piaga da attribuire esclusivamente alla società odierna: autori come Bukowski e Salinger presentano come protagonisti dei loro racconti giovani uomini dediti ad ogni tipo di vizio. Ma la domanda è: quali sono i motivi che spingono un ragazzo a pensare di non poter divertirsi se non sotto effetto di alcol? Le ragioni sono tante: un ragazzo potrebbe essere spinto a prendere questa “via” per uniformarsi al gruppo a cui a appartiene, perché sente il desiderio di poter distogliere il pensiero dalle sue preoccupazioni e per sentirsi più grandi. L’etilismo era spesso considerato sinonimo di degrado, mentre oggi è piuttosto diventato sinonimo di trasgressione; farsi vedere in giro con una bottiglia di vodka sbronzi, è molto di tendenza, ma può essere anche sinonimo di conformismo, infatti, spesso si fa uso di alcol per sentirsi parte del gruppo e si beve anche se non si ha voglia di farlo. Sempre più travolti dalla noia i ragazzi considerano l’alcol un modo per evadere, per non esserci mentalmente,una valvola di sfogo.. un modo per divertirsi, l’unico modo in realtà. Ma lo scenario è tutt’altro che divertente: l’alcol infatti sembra aver sostituito il divertimento vero, quello di una sera al cinema con gli amici, per dar spazio ad episodi di grande tristezza come incidenti stradali o di persone che da una semplice abitudine del sabato sera con gli amici, fanno dell’alcol una vera e propria dipendenza che li porterà poi alla morte.

0
Commenti
  1. eluantico 5 anni ago

    Hai ragione, molti giovani d’oggi per farsi notare e per farsi accettare dagli altri prendono delle abitudini,che non fanno per niente bene alla salute,come iniziare a bere, fumare o cosa ancora pi

  2. sarabee 5 anni ago

    Queste immagini non mi piacciono particolarmente ma il testo mi ha colpito abbastanza. Sono d’accordo con te. Spesso i giovani hanno bisogno di farsi notare, bevendo, per poter essere accettati dai loro coetanei, come se questo fosse l’unico modo per farsi amare.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account