Sempre più frequentemente si verificano casi spiacevoli di ragazzi che, sotto usi di droghe o alcolici, rischiano la loro vita.
Il concetto di “sbronza”, termine che viene utilizzato per indicare un grave stato di ubriacatura, è cambiato molto negli ultimi anni.
L’alcol al giorno d’oggi può essere paragonato ad un magnete. Attira moltissimo i giovani, che purtroppo non capiscono le dannose conseguenze a cui questo può portare.
Il senso di divertimento viene affiancato all’utilizzo di queste sostanze, assunte in una fascia di età che va dagli 11 ai 17 anni pari ad un valore del 10,2%, che di norma dovrebbe tendere allo 0.
Le sbronze e l’alcol in generale rappresentano,per la nuova generazione,la voglia di sembrare grandi e di amalgamarsi con la società.
La maggior parte dei minorenni non sa, però,che la voglia di divertirsi assumendo enormi quantità di alcol il sabato sera, durante feste o eventi nei quali ,nella maggior parte dei casi, si perde il controllo, può provocare seri danni alla salute.
Divertirsi deve essere una cosa di cui si è consapevoli, si devono poter ricordare le belle sensazioni provate e non avere una confusione in mente che non permette di godersi i bei momenti passati.
Credo che ci siano moltissimi modi alternativi per divertirsi in compagnia degli amici, senza rischiare nè di danneggiare la propria salute nè quella degli altri.

1 Comment
  1. titti00 7 anni ago

    sono d’accordo del tuo parere riguardo a questo argomento, non sempre bisogna bere per divertirsi anche perch

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account