Generosità ed onestà sono due valori che al giorno d’oggi stanno svanendo. In tutti noi non c’è che un minimo di egosimo e di orgoglio personale, ed è per questo che la gente tende a non aiutare gli altri, partendo da azioni apparentemente banali che accadono nell’ambiente scolastico. Per esempio, quando un compagno ha bisogno d’aiuto, non sempre chi può dargli una mano è disposto a donargli un po’ del suo tempo. Ma tutto non è ancora perso, perchè ci sono persone e associazioni, come la Caritas, che si occupano di coloro che sono meno fortunati.

Onestà e generosità sono valori che stanno scomparendo dall’animo umano. Non credo ci sia molta gente, come il Sig.Tidei (l’autista che ha recentemente trovato in un parcheggio un’ingente somma di denaro, poi consegnata al legittimo proprietario), che restituisce dei soldi per una questione di sensi di colpa o semplicemente per onestà o senso del dovere, dal momento che è un bene che non gli appartiene. Negli ultimi decenni, anche a causa del cambiamento della società e del modo di pensare, non sempre tendente al bene – chiamiamolo “degrado morale dell’umanità” – il male si diffonde facilmente anche perchè le persone oneste non fanno nulla per fermare ciò, mentre loro sono fermate da quelle che compiono il male.

Per ravvivare questi valori bisognerebbe che la gente trovasse nel proprio cuore due semi piccolissimi da coltivare, farli crescere e maturare e poi raccogliere da essi i frutti migliori e donarli agli altri.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account