Gli adolescenti diventano adulti grazie ai valori trasmessi dalla scuola e dalla famiglia, i più importanti sono l’onestà, il rispetto e la generosità. Proprio per quanto riguarda l’onestà ogni giorno sui giornali leggiamo fatti di cronaca in cui si parla di rapine e di sottrazione indebita di denaro.
C’è chi, trovando una grande quantità di denaro, al posto di tenersela decide di rintracciare il proprietario per restituirgliela e senza volere nulla in cambio. Questa è l’azione più corretta che chiunque di noi dovrebbe fare; spesso è la coscienza stessa che ci spinge a fare la cosa giusta, infatti risulta difficile riuscire a vivere tranquilli sapendo di aver sottratto dei soldi a qualcuno, anche se qualcuno ci riesce benissimo.
Purtroppo c’è sempre un altro lato della medaglia, infatti ci sono ancora troppi casi di furti, addirittura vengono rapinate le parrocchie privando gente meno fortunata della possibilità ricevere un po’ di aiuto. Cioè si è arrivati al punto che anche i poveri vengono derubati di quel poco che hanno o che stanno per ricevere.
In un ambiente sempre più competitivo, dove tutti possono essere probabili rivali, la generosità viene messa da parte o addirittura ignorata. Essere gentili viene considerato sinonimo di debolezza quando invece è sinonimo di bontà d’animo, di empatia e di consapevolezza di non essere gli unici al mondo e che senza collaborazione si arriva solo all’autodistruzione.
Si potrebbe pensare che l’onestà e la generosità non esistano più, che siano valori del passato inculcati a forza di note a scuola e punizioni a casa; ma le persone oneste e generose esistono ancora e sono sempre pronte ad aiutare anche chi non conoscono nonostante la società moderna e dinamica ci spinga sempre di più all’egoismo estremo e al menefreghismo, alla competitività e alla lotta continua per dimostrare di essere i migliori. Forse bisogna toccare il fondo per capire che solo collaborando e aiutandosi a vicenda, mettendo ognuno la sua parte migliore si può migliorare anche la società e la situazione dello stato. Bisogna essere onesti e non approfittare delle disgrazie altrui.

0
Commenti
  1. gallodariba 4 anni ago

    Sei il primo a cui piace giudicare e prendere il ruolo che spetta agli osservatori, ma purtroppo sei anche il primo che copia PALESEMENTE immagini da internet spacciandole per sue. Non ha senso segnalare gli altri se poi tu stesso commetti gli errori di cui tanto ti lamenti. Mi vergognerei se fossi in te.

  2. 00fede 4 anni ago

    Mi sono appena accorta , rileggendo il mio commento ,che ho sbagliato a scrivere un termine…
    Esso

  3. 00fede 4 anni ago

    Buon pomeriggio.
    Hai scritto un post dove deprimi chiaramente le tue idee e, onestamente , sono d’accordo con te su ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account