LA FIDA CON SE STESSI

Se il signor Luigi Tidei è riuscito a compiere questo grande atto di onestà e generosità, è soprattutto perché ha saputo essere sincero con se stesso. Molti al suo posto si sarebbero intascati i soldi e avrebbero fatto finta di niente, indipendentemente dalle conseguenze. E questo perché al giorno d’oggi, a parer mio, dell’onestà e della generosità sono rimaste solo le briciole. Ovviamente c’è chi queste briciole ha deciso di coglierle e chi ha deciso di calpestarle, c’è chi ha deciso di essere sinceri con se stessi e chi ha deciso di mentire spudoratamente al proprio animo, illudendosi. Io spero, con tutto il mio cuore, che chi ha deciso di cogliere le poche briciole rimaste sappia farne buon uso, come il signor Luigi, perché alla fine i soldi finiranno e rimarranno solo le buone azioni e il valore di un uomo e solo chi ha saputo gestire questi due grandi valori con destrezza arriverà, un giorno, ad essere orgoglioso di sé e delle azioni compiute,per il proprio ego e per gli altri.
La mia risposta?
Si, l’onestà e la generosità esistono ancora, basta saperle cercare dentro ognuno di noi.
“Credo che ognuno di noi debba essere giudicato per ciò che ha fatto. Contano le azioni, non le parole. Se dovessimo dar credito ai discorsi, saremmo tutti bravi e irreprensibili”

– Giovanni Falcone

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account