È da un po’ di giorni che tutti, e devo dire anch’io, non facciamo altro che aspettare il tanto atteso 2015, e finalmente è arrivato! È facile pensare che basti cambiare anno per migliorare le cose,ma in realtà non è così semplice. Infatti, in questi giorni navigando sul web ho notato una frase che secondo me racchiude in poche parole la verità “non basta cambiare anno per cambiare vita”se non si fa qualcosa, tutto rimarrà uguale all’anno precedente se non peggio.
Ora finalmente il 2015 è arrivato e tocca a noi scrivere la storia di questo nuovo anno basandoci su quei valori che i nostri genitori, ma anche le persone che hanno più esperienza di noi ci hanno insegnato fin da piccoli. Personalmente spero che le cose cambino realmente perché se ci fermiamo a osservare e riflettere un po’ su tutto quello che è successo, secondo me non c’è niente di positivo se non piccole cose,magari c’è sicuramente chi la pensa diversamente da me.
Si sa il primo dell’anno si può definire come un giorno di pace tutti pensano a festeggiare,ma già dal giorno successivo, quando siamo di nuovo alle prese con i vecchi problemi da risolvere, si ritorna alla quotidianità. Tuttavia un intero anno non è trascorso invano, è necessario riflettere sul passato per correggere i propri errori e far si di non sbagliare nuovamente; inoltre si deve cercare anche di lasciare tutto alle spalle,ricominciare soprattutto a sperare, perché qualunque cosa può essere realizzata, basta solo volerlo e impegnarsi con tutte le proprie forze per realizzarla. Purtroppo la magia non esiste e tutto deve essere sudato prima di poterlo avere. In ogni caso, comunque, bisogna essere sempre ottimisti, è inutile piangersi addosso si deve ripartire sempre più forti di prima,e se è vero che le brutte esperienze aiutano a crescere anche il 2014 ha aiutato tutti a crescere.
Ritengo perciò che il pilastro sul quale costruire questo nuovo anno debba essere l’impegno, solo così alla fine del 2015, sicuramente verrà fuori un “bel lavoro”.
Un’altra cosa importante da tenere in considerazione è che bisogna sfruttare ogni giorno di quest’anno per dare rilievo alle persone a noi care, stare il più possibile insieme a loro, perché non sappiamo se il prossimo anno saranno ancora con noi, quindi bisogna usare al meglio il nostro tempo impegnandoci con attività utili e significative in modo da non avere mai rimpianti.
Come disse Madre Teresa “non permettere a te stesso di essere scoraggiato da qualsiasi fallimento, fintanto che hai fatto del tuo meglio” quindi non bisogna mai arrendersi di fronte alle difficoltà, ma impegnarci costantemente, lottare per ottenere il meglio perché “la speranza è l’ultima a morire”.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account