L’iniziativa di questo progetto è molto ben strutturata ed è anche molta graziosa come idea!
Molte volte leggendo un libro si può capire i vari sbagli che sono stati commessi, oppure possono essere momenti di svago per immedesimarsi nel/la protagonista del libro, quindi in un’altra realtà.
Credo sia giusto dare dei libri anche per motivi culturali, mentre non mi sembra giusto ridurre la pena del carcerato, perché se è in carcere qualche azione sbagliata l’ha fatta e ridurre i giorni in base a quanti libri hai letto mi sembra veramente stupido.
A parer mio questa iniziativa, già aderita in alcuni carceri, è veramente carina, sia per stimolare a leggere con nuovi romanzi di recenti scrittori, ma anche per riempire un po’ il tempo libero che hanno a disposizione per fare cose utili alla loro preparazione, facendoli anche fare un piccolo esame di coscienza!
– Voi cosa ne pensate?
– È una buona idea dare un’opportunità ai carcerati?
– Vi sembra giusto ridurre i giorni di prigionia in base al numero di libri letti?

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account