Sinceramente questa idea mi piace molto ;perché secondo me può aiutare queste persone a riflettere e permettere loro un po’ di svago.
La cosa che mi infastidisce è il fatto che leggendo dei libri si possa scontare la propria pena; a parere mio non è molto giusto; poiché la lettura di un libro non mi sembra un grande sforzo visto che hanno la maggior parte del loro tempo libero.

Avevo già sentito parlare di alcune iniziative riguardanti i libri ;come uno scambio gratuito di libri tra un gruppo di persone, in modo tale che si possano provare nuovi generi e scrittori.Mi pare che siano tutte buone iniziative per portare un pò di cultura nella testa degli italiani e non.

Penso che la lettura possa portare in altri mondi farti dimenticare tutti i tuoi problemi e le tue insicurezze puoi sentirti parte della storia; insomma il mondo non sarebbe lo stesso senza i libri.

Anche questo concorso per carcerati appassionati di scrittura mi incuriosisce molto, può essere un metodo per imparare ad apprezzare le storie di questi uomini e donne ,che si trovano ad affrontare un’esperienza del genere.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account