“Un libro sogna.Il libro è l’unico oggetto inanimato che possa avere sogni.”
(Ennio Flaiano)
Mi piace vederla così …
Credo che un libro possa aprirti la mente più di ogni altro oggetto presente in questo mondo.
Certo,non tutti riescono ad aspirare quel profumo di carta e magia che,a detta di Carlos Ruiz Zafón,a nessuno è venuto in mente di imbottigliare.
Questo,però,non significa che un detenuto non sia in grado di leggere un romanzo di Fabio Volo.
L’idea di poter regalare un po’ di cultura a chi ne ha bisogno mi allieta.
Un prigioniero è pur sempre un essere umano e,nonostante le azioni criminali di cui può esser stato fautore,necessita di un minimo di “svago”.
Sì,ai miei occhi la lettura è un diversivo.
E’ un passatempo che,di tanto in tanto,tutti dovrebbero concedersi semplicemente per ampliare i propri orizzonti e per volgere lo sguardo verso l’infinito.
La polisemia dei libri penso sia un dato di fatto ed è proprio in virtù di ciò che sostengo fortemente il progetto “Regala un libro a un detenuto”.
E’ sorprendente,ma quelle parole gettate su carta possono realmente cambiarti la vita.
Quindi,sì,mi piacerebbe contribuire alla felicità di dieci milioni di persone.

0
1 Comment
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Mi piace moltissimo il modo in cui hai deciso di affrontare l’argomento, lo stile

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account