In confronto ad anni fa, quando il telefono era qualcosa di molto ambito e apparentemente irraggiungibile che potevano permettersi solo in pochi, oggi questo oggetto è posseduto dalla maggior parte della popolazione, indipendentemente dall’estrazione sociale. Questa tecnologia ha cambiato completamente il modo di vivere: si trascorre molto tempo di fronte ad un telefono, per cercare informazioni o messaggiare in qualsiasi circostanza della vita, sul lavoro o nei momenti di svago e tranquillità. Dal punto di vista sociale, questo strumento può avere diverse funzioni ma anche dei lati negativi: può essere utile per mantenersi in contatto con gli amici, per scopi didattici, per ascoltare la musica o altro ancora, ma comporta anche qualche rischio, come quello di portare l’utente ad isolarsi dal mondo reale. Tra i giovani, poi, il possesso del cellulare più moderno, quello con le migliori qualità e mirabili prestazioni, diventa un’ossessione e l’uso eccessivo, fino ad entrare nelle aule scolastiche in modalità  scorrette e irrispettose. A volte capita di vedere, postati sui social, video in cui si deridono i professori o certi compagni ritenuti inferiori, ma queste tecnologie vengono utilizzate durante le lezioni o addirittura per copiare nei compiti in classe! L’epoca dei ‘’bigliettini”, o dei suggerimenti trasmessi nei modi più ingegnosi, è ormai passata, superata da quella dei telefoni. Ora, dipende anche dalla severità e dall’attenzione del professore se gli studenti possono permettersi di copiare, ma per evitare che accadano casi del genere è lecito porre dei limiti, delle regole. Questo però può essere molto complicato, perché si rischia di prendere decisioni eccessive ed andare contro il parere dei genitori, che difendono la privacy dei propri figli. Durante le lezioni è corretto, anche nel rispetto di chi sta spiegando, tenere spento il cellulare per evitare distrazioni continue e ciò dovrebbe essere un comportamento spontaneo che lo studente mantiene, senza dover essere richiamato dal professore. In alcune scuole, i cellulari vengono conservati all’interno di una scatola per tutta la giornata ed in altre è richiesto che vengano spenti. Queste potrebbero essere due soluzioni che non rendono particolarmente felice lo studente, nemmeno chi si comporta onestamente, ma garantiscono l’ordine e la sicurezza all’interno di una scuola. 
 

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account