L’uso del telefonino è diventato ormai un qualcosa di fondamentale per le nostre giornate, sia che venga utilizzato per impiegare il tempo sia che venga utilizzato per questioni di lavoro. Chi ne fa maggior uso, però, sono i ragazzi. Per molti di essi, però, il telefonino è di così vitale che non riescono a separarsene neanche durante le ore di lezione in classe.
In alcune scuole l’ uso del telefonino è consentito per lo studio; mentre in tutte le altre è vietato.
C’è chi, però, decide di non rispettare questa regola utilizzandolo nelle ore di lezione, rischiando, oltretutto, di essere “colto in flagrante” e quindi di incorrere in problemi.
Come per ogni argomento, anche per questo si sono creati più schieramenti.Il primo, che appoggia il regolamento scolastico e che afferma che l’ uso del cellulare distrae e non consente l’ apprendimento. Un secondo, che invece afferma che il cellulare dovrebbe essere sempre consentito perché può essere un ottimo strumento di apprendimento. E un terzo, lo consente, ma con criteri precisi.
Io credo che sia giusto vietare l’ uso del telefono, perché è vero che è un motivo di distrazione. Tuttavia, credo anche che possa essere utilizzato per motivi di studio solo in quei casi in cui viene tolta la scheda telefonica, in modo da non poterlo utilizzare. L’ uso del cellulare può diventare un buon alleato nello studio se non lo si utilizza per i social network.
Fin quando non si adotteranno delle regole ben precise per il suo utilizzo è meglio lasciare il telefonino spento nello zaino. Dopotutto sono i libri i veri strumenti dello studio, perché per approfondire si possono sempre utilizzare altri strumenti.

0
1 Comment
  1. miristella 4 anni ago

    L’articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account