Sappiamo tutti dei continui casi di sequestro dei cellulari nelle scuole, seguiti dalle proteste di alcuni genitori che accusano gli insegnanti di violazione della privacy; bisogna dunque analizzare due aspetti dei cellulari, che si contrappongono.
Il primo è l’abuso di questi, da parte di alunni negligenti, che durante le lezioni li utilizzano per accedere ai social network o addirittura peggio, per pubblicare foto o frasi al fine di deridere i professori. Ciò avviene in particolare sulle applicazioni per la chat privata (watsappp, messenger, ecc.).Si tratta di un reato giustamente punibile con il sequestro dell’apparecchio e con la sospensione dell’alunno, e non sono giustificabili i reclami dei genitori e la loro denuncia di violazione della privacy.
Il secondo aspetto è la possibilità di utilizzare questi telefonini ( autorizzati dai docenti) per uno scopo prettamente scolastico con l’obiettivo di approfondire gli argomenti trattati con informazioni prese dal web. Si tratta però di una concessione piuttosto inutile, in quanto la maggior parte delle scuole dispone già di apparecchi multimediali in ogni classe che possono essere usati collettivamente sotto guida di un insegnante, per un impiego più efficace e sicuro.
I cellulari, bisogna però ammetterlo, sono un’introduzione molto importante, ma possono essere usati nel modo sbagliato, in particolare dai giovani. Nelle scuole è dunque giusto in divieto di utilizzare il cellulare perché la sua utilità è praticamente nulla.

0
Commenti
  1. ricanews 4 anni ago

    Concordo con quanto da te espresso in modo scorrevole. Il cellulare, questo ‘arnese’ ormai divenuto per noi quasi una ‘protesi’ indispensabile e inseparabile, in classe troppo raramente viene impiegato in modo corretto anzi… Pertanto condivido con te nel dichiarare sia giusto limitarne l’utilizzo nelle scuole.

  2. riccdesiree 4 anni ago

    Sono perfettamente d’accordo con te. Il cellulare

  3. hamid123 4 anni ago

    In classe si va per studiare e imparare, non per casseggiare sul cellulare.
    quindi se si parla se un utilit

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account