Al giorno d’oggi la tecnologia è un aspetto piuttosto fondamentale nella vita di ogni persona; grazie ad essa si è in grado di compiere cose che nessuno avrebbe mai immaginato.
In tutti i luoghi si possono trovare dei computer o degli oggetti con la possibilità di connettersi ad internet.
La maggior parte della popolazione possiede un cellulare in grado di navigare e ciò è sia un pregio, perché si ha il mondo nelle proprie mani così da non dover andare a cercare in biblioteca ciò di cui si è interessati, che un difetto, perché con questi strumenti, soprattutto i giovani, si spreca molto tempo sui social network così da non riuscire a terminare ciò che si è programmato di fare.
Parecchie scuole sono fornite di lavagne multimediali grazie alle quali gli insegnanti possono mostrare agli alunni materiale che sul libro non c’è; come tutti gli strumenti elettronici, le LIM possono avere dei problemi che comportano una sospensione di argomenti che il professore aveva in mente di spiegare.
In alcuni istituti i telefonini sono ritirati all’inizio della prima ora per poi essere restituiti alla fine delle ore di lezione. Gli alunni in questo modo non hanno distrazioni fuori dall’ambito scolastico e possono interagire maggiormente con i compagni, cosa che attualmente è piuttosto difficile a causa dei telefonini. Con questo metodo i ragazzi non possono registrare le lezioni o fare fotografie nelle classi.
Ritengo però un controsenso il fatto di avere il permesso di adoperare i tablet perché si è in grado di compiere le stesse azioni che si possono fare con un cellulare, piuttosto sarebbe più opportuno fornire agli alunni strumenti multimediali non dotati di fotocamere e con i quali si può accedere solo al materiale didattico.
Molti ragazzi, negli istituti dove si ritirano i telefonini, credendosi furbi, non li consegnano pensando di fare un torto al professore. Queste persone non capiscono che questa azione è scorretta nei loro confronti perché è un segno di immaturità.
Alcune persone ritengono che rimanere senza il cellulare per sei ore sia impossibile, ciò non è per niente vero perché molti anni fa, quando ancora non esistevano questi apparecchi, si viveva tranquillamente e c’erano anche meno problemi. Questi individui dovrebbero provare a staccare la spina dalla società attuale così da pensare a loro stessi e alle persone che sono intorno a loro.
A mio parere i cellulari andrebbero ritirati in tutte le scuole così che gli studenti pensino solo a ciò che accade all’interno della classe senza avere distrazioni secondarie e così da raggiungere risultati migliori.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account