Lo smartphone oggigiorno è uno dei principali strumenti utilizzati per la comunicazione.
Qualche decennio fa per mantenersi in contatto si utilizzava una lettera, adesso, grazie all’evoluzione telematica, con un semplice click si può far sapere a chiunque dove ci si trova, cosa si sta facendo e il proprio stato d’animo. Siamo sicuri di utilizzarlo sempre nel modo più corretto?
La tecnologia ha creato dei veri e propri apparecchi contenenti qualsiasi sorta di applicazione e oggi, a causa di ciò, stiamo perdendo sempre più il contatto con la realtà. La nostra generazione è nata con il cellulare in mano e tende ad utilizzarlo fin troppo, addirittura scuola.
Recentemente ventidue giovani sono stati sospesi per aver filmato e deriso i loro professori su un social, arrivando quindi a violare la privacy altrui.
A nostro avviso i telefonini sono molto utili ma non bisogna farne un uso sconsiderato come detto precedentemente. Non vuol dire che non si possano portare a scuola, ma bisognerebbe tenerli spenti o quanto meno attivare il silenzioso.
Sempre legato all’ambito tecnologico-scolastico sta emergendo la possibilità di utilizzare i tablet durante le ore di lezione. Per certi aspetti possiamo considerarlo un vantaggio poichè ci permette di risparmiare soldi sul materiale, come ad esempio i libri di testo che hanno un costo considerevole ma d’altro canto passare ore e ore guardando uno schermo comporterebbe danni alla nostra vista.
Il telefono negli ultimi anni è diventato importante quasi quanto le nostre chiavi di casa, nessuno esce senza, è quindi parte integrante della nostra giornata; di conseguenza sarebbe impensabile vietarlo ma come ogni altra cosa deve essere utilizzato nella giusta misura.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account