Il problema dell’uso dello smartphone in classe è ricorrente in quanto é frequente che vengano utilizzati dai giovani studenti durante le lezioni all’insaputa dei docenti. È accaduto a Torino che un gruppo di ragazzi abbia registrato e successivamente deriso dei professori su whatsApp, ciò ha fatto insorgere la richiesta del divieto di utilizzo degli l’apparecchi elettronici portatili nelle aule scolastiche.
A mio parere non è sbagliato dare la possibilità agli studenti di poter tenere i cellulari in classe purché abbiano la maturità di non utilizzarli nelle ore di spiegazione è quindi nel rispetto di chi sta svolgendo il proprio lavoro cercando di comunicare con i giovani.
Allo stesso tempo vi è la consapevolezza che tali strumenti siano uno strumento di distrazione per gli alunni e molti di essi abusano di questa occasione che gli viene offerta approfittando del loro uso, magari perdendo tempo sui social network o su siti non inerenti alle spiegazioni scolastiche durante le ore di lezione.
Credo quindi che sia sbagliato vietare l’utilizzo degli strumenti tecnologici in quanto, nei momenti in cui non si sta assistendo a spiegazione (cambi dell’ora, ricreazione, ore buche con supplenza…), è accettabile che si consulti il proprio smartphone o il proprio tablet. Ritengo siano solo questi i casi per i quali il cellulare possa essere tenuto dagli studenti, con la premessa, però, e la speranza che ogni ragazzo abbia la maturità di fare determinati gesti nei momenti inerenti e adeguati tenendo sempre conto del luogo in cui ci si trova e delle regole alle quali si è sottoposto e che ognuno di noi deve rispettare.

0
1 Comment
  1. ricvirginiaa 3 anni ago

    Bell

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2018 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account