Nei giorni nostri una vita quotidiana senza media digitali, e soprattutto senza telefonini, è impensabile per bambini e giovani. Il cellulare è diventato un compagno quotidiano nella società d’oggi. Molti genitori comprano un cellulare già ai bambini piccoli per semplificare l’organizzazione della vita familiare o per essere raggiungibili in caso di bisogno. La maggior parte dei giovani porta il cellulare inoltre anche a scuola. L’uso del telefonino è solo vietato durante le lezioni ma non a scuola in generale, là i ragazzi hanno la possibilità di continuare a utilizzare il proprio cellulare negli spazi e nella pausa. Ma il problema è che la maggior parte dei ragazzi utilizza il cellulare anche durante le ore di lezioni per esempio per rispondere a un messaggio d’un amico di un’altra classe o un’altra scuola, aprire Facebook o Instagram o fare dei selfie con i loro amici. I bambini piccoli invece usano il proprio telefono ripetutamente per giocare, spesso anche durante le lezioni a scuola. Inoltre l’uso dei telefonini a scuola può essere anche negativo perché i ragazzi hanno anche sempre la possibilità di usarlo durante un compito in classe per cercare le risposte corrette in internet. Sicuramente i telefonini possono anche essere utili durante le lezioni, perché i ragazzi possono anche usarlo per studiare in classe. I telefonini non sono solo un passatempo, ma aiutano anche a svolgere molti compiti. Quindi, secondo me i telefonini possono essere utili a scuola per studiare o in un caso di bisogno, ma possono sicuramente anche disturbare la concentrazione degli studenti e distrarre il loro apprendimento.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account