Al giorno d’oggi il cellulare è un dispositivo indispensabile nella vita quotidiana della gente, in particolare degli adolescenti. È stato calcolato che il primo cellulare i giovani ce l’hanno tra i cinque e i dieci anni, che viene tenuto acceso dodici ore al giorno e che addirittura una persona su dieci ha il cellulare connesso per circa dodici ore. Basta pensare a quando uscendo di casa, andando al cinema, al ristorante o in qualunque altro luogo, la maggior parte delle persone sta con gli occhi fissi sullo schermo del proprio cellulare a chattare o a giocare. Visto che esso viene quindi utilizzato già tanto, talvolta esageratamente, nella vita quotidiana, perdendo momenti belli o speciali senza rendersene conto, è bene cercare di evitarlo almeno durante le ore scolastiche o di studio. Un altro motivo è che se si usufruisce del telefono durante le lezioni e durante i compiti, per gli alunni non ha senso studiare perché è considerato più semplice copiare da internet.
Nonostante il fatto che non studiare sia considerata come una cosa positiva dagli studenti oramai sempre meno diligenti, in Italia l’uso del cellulare o di altri dispositivi elettronici è vietato sia ai docenti, sia agli alunni, come attesta la direttiva ministeriale del 15 marzo 2007. Essa è molto importante perché favorisce un comportamento rispettoso da parte degli alunni nei confronti degli insegnanti, ma anche viceversa. L’uso del cellulare o di qualunque altro dispositivo elettronico con cui è possibile connettersi a internet, nonostante i vari aspetti negativi elencati in precedenza, può essere utile al fine di approfondire gli argomenti trattati durante le lezioni. Un altro aspetto positivo è l’opportunità proposta dai docenti di partecipare a progetti riguardanti le varie discipline scolastiche per mezzo dei medesimi dispositivi.
Quindi il loro utilizzo deve essere limitato a questi scopi, non approfittando troppo dei vantaggi che comportano perché altrimenti le capacità cognitive e di ragionamento degli alunni saranno sempre più limitate.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account