Selinunte il Tempio G dedicato a Zeus, che oggi e un cumolo di macerie per via di un terremoto, era uno dei più grandi dell’antichità, aveva 54 colonne imponenti ed era grande come 4 partenoni. Viene ricostruita una sola delle colonne, che ora e l’unico pezzo rimasto in piedi in mezzo a tutte quelle macerie, denominata “fuso della vecchia”. Secondo la mia opinione è giusto ricostruire il tempio, però usando la tecnica della anastilosi, cioè quel metodo che si applica ai monumenti danneggiati già da millenni, usando le parti originali del monumenti ancora intatti. Secondo il parere di alcune persone, ricostruire il tempio e sbagliato, perché potrebbe venire fuori un falso cioè la fotocopia sbagliata di quella di tanti secoli fa, ma non sempre la anastilosi potrebbe dare risultati buoni, perché nei pezzi originali si devono aggiungere spesso materiali di origine diversa, come ad esempio il cemento armato. Infine secondo me aggiustare il tempio non è una idea sbagliata, perché se viene ristrutturato nel modo giusto, risulterebbe come se fosse sempre stato così, già da tanti secoli. Mi piacerebbe vedere il tempio in tutta la sua bellezza, come se ritornasse alla civiltà antica.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2018 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account