Un robot tuttofare, è questa la novità. Da adesso, infatti, è possibile avere un piccolo aiutante a casa nostra, o meglio dei nostri nonni. E’ un prototipo ideato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Istituto che opera nel campo delle scienze applicate, per agevolare la vita degli anziani. “Coro” è solo uno dei tre “robottini” ed il suo compito è quello di portare buste pesanti, come quelle della spesa, a casa del padrone. A Febbraio i tre “fratellini robot” saranno disponibili e messi sul mercato , sempre se riusciranno a superare l’ultimo esame. La domanda che sorge spontanea è: “è veramente necessario il loro aiuto?”
Di sicuro potrebbe essere un valido aiuto per tutti gli anziani che, grazie a Coro, potrebbero evitare la casa di riposo, consentendo loro di sentirsi più autonomi.
Ci sono esigenze che, però, non possono essere soddisfatte dai robot, come Coro, un anziano ha bisogno del sostegno della famiglia e dell’affetto che solo le persone riescono a dare. In tutta sincerità, io, nell’ultimo periodo della mia vita, preferirei avere intorno i miei cari e non una fredda macchina.

0
1 Comment
  1. giadinca 5 anni ago

    Ciao dalla redazione i Carbo..Idrati!
    Secondo me avresti potuto aggiungere informazioni sull’argomento e fare qualche considerazione in pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account