Eccoci qui, ormai siamo sbarcati nell’era del digitale, un’epoca in cui tutti sfruttano le tecnologie che hanno a disposizione, sia fuori che in casa .
Adesso, anche gli anziani, che sono meno pratici con questi dispositivi, hanno la possibilità di ricavarne qualche vantaggio; per loro sono state creati i primi prototipi di robot domestici creati in Italia.
I robot offrono numerosissimi vantaggi, soprattutto se si acquista l’intera gamma, perché coprono tutte quelle attività che una persona desidererebbe compere e in cui trova delle difficoltà, come buttare la spazzatura e ritirare la spesa.
Nell’ambiente casalingo il robot è capace di svolgere tutte le mansioni che riguardano la pulizia e l’ordine della casa, ma è anche in grado di accorgersi se l’anziano si è sentito male e di essere un supporto se quest’ultimo ha difficoltà a camminare.
Un fattore che forse non è stato considerato è il prezzo di vendita, che per ora non è stato svelato, perché potrebbe dissuadere dal comprarlo chiunque abbia delle difficoltà economiche per il suo alto prezzo. Sicuramente questo sarà un problema secondario se si pensa che i “badanti” hanno bisogno di una casa interamente coperta da un sistema di rete Wi-Fi, con lo scopo di guidare i “domestici” nell’ascensore e in tutte le operazioni più complesse per interagire con gli oggetti che usiamo tutti i giorni; ecco un altro fattore che influirà sicuramente sul budget necessario per l’acquisto di questi robot.
Quindi la domanda che sorge spontanea è: anche se ormai i robot hanno sicuramente le potenzialità per entrare nelle nostre case, le nostre case saranno pronte ad accoglierli?

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account