Il mondo della tecnologia sta modificando ogni aspetto della nostra vita e ormai si sta cercando di meccanizzare ed automatizzare tutto pensando che si possa addirittura sostituire l essere umano ad un automa.
Ciò è accaduto con l introduzione inizialmente di piccoli robot che man mano sviluppandosi hanno preso e sostituito l essere umano.
Sicuramente avere qualcuno di automatizzato vicino permette di risparmiare tante energie e risorse fisiche ma quando si tratta di associare tutto direttamente ad un essere umano per soccorrerlo o badarlo tutto cambia a mio parere.
Ciò che caratterizza le persone umane è la capacità e la possibilità di provare sentimenti e sensazioni; la capacità di ascoltare colui che ti sta accanto e tutto ciò non può avvenire se accanto sta un automa e non un essere umano.
Nell ultima fase della loro vita i vecchietti hanno tanto bisogno di parlare e di essere ascoltati ed hanno bisogno di una persona fisica accanto quindi ritengo che la sosituazione dei badanti persone fisiche con dei robot sia d abolire assolutamente.
Bisognerebbe semplicemente incentivare con agevolazioni fiscali o leggi di altro tipo, le persone a regolarizzare i tipi di contratti che attualmente lavorano in nero cercando di trovare compromessi e soluzioni che possano mettere d accordo le varie parti

0
Commenti
  1. Marco 5 anni ago

    Condivido con te il tuo pensiero che ho anch’io espresso. I miei nonni non li affiderei di certo ad un robot. Tanti vorrebbero fare i badanti che rappresenterebbe un lavoro onesto ,anche per gli extracomunitari che vivono nel nostro paese. Ecco gli incentivi fiscali possono far emergere il lavoro nero.Ciao

  2. ricanews 5 anni ago

    Molto bello il tuo pensiero, che hai espresso molto bene in un bel testo scorrevole e completo. Le immagini scelte sono rappresentative anche se forse non esaustive con quanto hai voluto esprime. Anch’io condivido che le persone anziane hanno bisogno di un confronto,di umanit

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account