Affiderei mia nonna ad un robot?
Affiderei qualsiasi altro anziano ad un “oggetto” per quanto intelligentissimo e utile?
Assolutamente no.

Potrà sembrare infantile e scontato parlare dell’affetto di cui ha bisogno (oserei dire più di altri) un anziano. Io personalmente, da nipote e da giovane, provo a capirlo e a dare tutto l’amore che posso.
Non sono contraria al progresso o all’evoluzione e credo che veramente Coro potrebbe occupare efficientemente i posti di lavoro vaganti come badante. Da molti anni si cerca di creare qualcosa del genere e un gruppo di studenti ci è riuscito, hanno contribuito al futuro.
Ma per ricordare una medicina o un impegno non basta una nota? Una sveglia?
Un figlio? È chiedere troppo?

Nel caos e nella frenesia della nostra routine ci siamo finalmente inventati qualcosa per liberarci della parte più “pesante”, più impegnativa e più bisognosa di attenzioni della società: gli anziani. Il prossimo passo saranno le babysitter meccaniche che allattano, cullano e curano i bambini al posto nostro.

0
Commenti
  1. pasqua98 5 anni ago

    Ciao, dalla redazione i Carbo..Idrati!
    Trovo che il tuo titolo sia molto originale e attragga l’attenzione del lettore. Il tuo articolo

  2. mikyreporter 5 anni ago

    bellissimo il tuo articolo,

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account