Coro è un robot che fa da badante agli anziani.
Sembra una notizia che molti di noi si sarebbero aspettati fra qualche millennio, invece no. Sembrava così lontana la realtà di avere dei veri e propri robot in grado di pensare in mezzo a noi, invece ci siamo. E’ stata progettata e realizzata nella scuola Sant’Anna di Pisa ed è stata sperimentata nella casa di riposo di Firenze. Effettivamente potrebbe risolvere molti problemi, sarebbe più efficiente delle normali persone e non avrebbe i difetti che ci accomunano. Ma se iniziamo a dare questa grande fetta di lavoro ai robot, i nostri cittadini cosa faranno? Ma soprattutto voi affidereste vostra nonna a un robot?
E’ pur vero che loro non avrebbero i nostri difetti, ma al contempo non sarebbero capaci di provare dei sentimenti e donare affetto. Sinceramente non affiderei mai mia nonna o i miei genitori a qualcun altro che non sia io o comunque una persona fidata, figuriamoci ad un robot! Sono d’accordo nella progressione della tecnologia ma essa non riuscirà mai a sostituire i sentimenti ‘tradizionali’ e quindi i lavori che solo una persona può fare.

0
Commenti
  1. paolaaa 5 anni ago

    Ciao
    Ho trovato molto interessante il tuo articolo e penso che sia il pi

  2. ginnyboni 5 anni ago

    ciao, dalla redazione I Re D’Azione!
    Indipendentemente se sono o nom sono d’accordo con te mi piace il tuo post ,ha uno scheletro ben definito e una conclusione personale, che

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account