Negli ultimi decenni, abbiamo visto come la tecnologia si sia evoluta in tutti i campi.
L’uomo ha sempre cercato di crearsi a sua immagine fino ad arrivare ad una tecnologia evolutissima: i robot.
I robot, ultimamente, stanno prendendo il posto del lavoro umano.
Mettere robot badanti al posto di persone creerebbe degli “squilibri”.
Per prima cosa non ci sarebbe più il contatto tra persone, dobbiamo pensare che una badante, oltre a tenere l’anziano, instaura un rapporto con lui: gli fa compagnia, dona emozioni che un robot non potrebbe dare, gli compara la spesa, lo aiuta nei momenti di difficoltà…
Toglierebbe la possibilità alle persone straniere e non, di trovare lavoro e quindi aumenterebbe il tasso di disoccupazione.
Il tasso di disoccupazione, in Italia, è al 12,7% tra cui la maggior parte sono giovani.
Dobbiamo dare spazio anche ai giovani che in questo momento non riescono a trovare lavoro e per questo nasce il fenomeno “fuga di cervelli”.
Sicuramente non tutti avranno la disponibilità economica sufficiente per acquistare questo “privilegio”.

0
1 Comment
  1. martinamaida 5 anni ago

    hai scritto un articolo breve ma sei riuscito comunque a chiarire al meglio i concetti, producendo cos

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account