Solitamente nelle partite dei ragazzi tra i 14 e i 16 anni hanno lo scopo di far divertire, senza pensare al risultato e alla vittoria. Ultimamente stanno succedendo alcuni fatti, riguardanti le risse di alcuni genitori che erano andati a vedere la partita dei propri figli; si passa da qualche battibecco ad una vera e propria rissa. Un esempio è quello a Fiorano, nel Modenese, dove alcuni genitori hanno fatto scoppiare una rissa; i giocatori, figli dei genitori che si trovavano sugli spalti, hanno compiuto un gesto saggio, interrompendo la partita. I genitori, a mio parere, dovrebbero andare a vedere le partite semplicemente per incitare il proprio figlio; non come alcuni genitori che mandano insulti all’arbitro, a qualche giocatore della squadra del proprio figlio per qualche errore, ad alcuni giocatori della squadra avversaria… perché poi da qui partono battibecchi, spintarelle fino ad arrivare alla rissa. Sono anche in aumento i ricoveri dopo questi tipi di risse. I giocatori, e quindi i figli, sono i protagonisti delle partite, non i genitori dagli spalti!

0
Commenti
  1. miristella 5 anni ago

    Ciao! Il tuo articolo, seppur breve,

  2. lucchinimart 5 anni ago

    Ciao samurid27 dalla redazione veni vidi vici!
    Il tuo articolo presenta un po’ di ripetizioni e pochi errori trascurabili.
    In generale il tuo articolo l’ho apprezzato, in particolare quando spieghi i fatti accaduti a Fiorano. Potevi includere un po’ pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account