Il tifo per me è come se avessi il dodicesimo uomo in campo.
Io gioco a calcio come avrete capito, e senza tifo non riesco a giocare perchè io ho proprio bisogno di sentire la voce di mio padre che mi da forza.
Il tifo può piacere o no come ad esempio nella mia squadra certi ragazzi si arrabbiano se sentono il padre gridargli mentre giocano, li rende nervosi. Invece nel mio caso, amo sentire non solo mio padre ma anche gli altri genitori gridarmi: “vai Marco!”. Mi da veramente aiuto anche quando sono in difficoltà.
Ci sono state tante volte in cui ho giocato partite senza che ci fosse mio padre in tribuna, e infatti non giocavo perfettamente bene perchè nel momento del bisogno non c’era mio padre che anche con una parola mi faceva cambiare atteggiamento.
Come si vede anche nella televisione, quando ci sono le partite di serie A che si giocano allo stadio, è pieno di persone nel quale dicono di tutto, ma non bisogna condizionarsi di quello che dicono, basta ascoltare il mister.
Alla fine il calcio ha una sola regola, che anche quando sei nervoso bisogna sempre ascoltare chi da fuori cerca di aiutarti.

0
1 Comment
  1. martinamaida 4 anni ago

    complimenti, hai svolto un buon lavoro. Mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account