A mio parere ricevere il tifo durante una partita dà grinta e ti incita a non arrenderti. E’ grazie ai tifosi che noi ragazzi cerchiamo di giocare al meglio delle nostre possibilità e ci mettiamo l’impegno, nonostante un fattore esterno, come un arbitro contro o l’avversario troppo forte, ci impedisca la vittoria.
Avendo cugini maschi che giocano a calcio, ho spesso assistito a scene sgradevoli; spesso ho sentito genitori che offendevano i ragazzi della squadra avversaria solo perché non accettavano la sconfitta. Non sempre le partite possono concludersi nel modo migliore, ma questo non è un valido motivo per scagliarsi contro i genitori dell’altra squadra.
A mio parere questo non è un problema solo del calcio; gioco da nove anni a pallavolo e posso confermare che queste situazioni le possiamo ritrovare anche sulle tribune di una palestra. Da giocatrice posso affermare che spesso questi litigi sulle tribune o il tifo troppo esagerato di un genitore, anche se a favore della tua squadra, provocano imbarazzo, nervosismo e tensione anche tra noi in campo, tanto che iniziamo ad andare nel pallone e a provocare gli avversari, facendo così diventare lo sport, che dovrebbe essere un qualcosa di divertente ma allo stesso tempo educativo, un mezzo offensivo e di conflitto.
Concludendo posso dire che sì, il tifo è bello e dà energia, però solo se fatto con moderazione e rispetto nei confronti dell’altra squadra.

0
Commenti
  1. martinamaida 4 anni ago

    Innanzitutto bel lavoro, l’articolo

  2. miristella 4 anni ago

    Ciao! Mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account