Il calcio,come tutti gli altri sport è nato per divertirsi,creando squadre con lo scopo di unire un gruppo di persone e coinvolgerle insieme. Oggi però questi ideali sono cambiati,non si gioca per divertirsi,ma solo ed esclusivamente per vincere e se questo non avviene non si accetta la sconfitta. Questo pensiero non è presente nella mente dei piccoli calciatori,ma ancor peggio in quella dei genitori che vorrebbero un futuro migliore per il proprio figlio vedendolo diventare il miglior calciatore del mondo,tutti fanno così ma spesso si esagera e la situazione sfugge un po di mano. Moltissimi genitori sugli spalti non solamente elogiano il proprio figlio come se fosse Dio sceso in Terra screditando tutti gli altri,ma provocano vere e proprie zuffe mentre i loro figli nel campo cercano di dare il massimo.Ultimamente questo è successo a Fiorano,dove sono dovute addirittura intervenire le forze dell’ordine per calmare e fermare genitori irruenti. E’ questo che insegnate ai vostri figli? Una vittoria non può essere messa a confronto con un ” Ho dato il massimo,voi eravate lì ed avete guardato felici e soddisfatti la mia partita,nonostante tutto”. Carissimi genitori,mettete le mani a posto,aprite gli occhi durante le partite e guardate i vostri figli divertirsi anche commettendo errori o tirando fuori porta,la ruota gira e per tutti e quel goal prima o poi arriverà!

0
Commenti
  1. alessia2421 5 anni ago

    Ciao Millemiglia. Ho letto il tuo articolo e l’ho trovato davvero bello, con un tocco di personalit

  2. miristella 5 anni ago

    Ciao! Ho apprezzato molto il tuo articolo,

  3. ironlady 5 anni ago

    Ciao, il tuo articolo mi

  4. mirarchif 5 anni ago

    Ciao millemiglia. Il tuo articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account