Parto dal presupposto che io,non praticando sport, parlo dall’esterno ma posso immaginare cosa si prova se un genitore si altera troppo durante una partita del proprio figlio. Ovviamente se mio padre si facesse prendere da un attacco d’ “ira”,durante una mia partita,non ne sarei di sicuro fiero e certamente “riprenderei” mio padre affinchè si comporti da sportivo. Sempre di più sono oramai i genitori che litigano sugli spalti che tifano per squadre diverse. Questo non va di sicuro bene anche perché i giovani giocatori considerano un grande punto di riferimento il tifo dei genitori sulle gradinate e sono sicuro che vedendoli litigare si sentirebbero demoralizzati e non giocherebbero al meglio delle loro possibilità.Anche nei grandi stadi accadono,da un paio d’anni a questa parte, episodi di eccesso di tifo; ai telegiornali si sentono sempre più notizie di ferimenti tra gli ultras e quindi litigi tra tifosi di diverse squadre, soprattutto nel calcio. Spero ci siano sempre meno episodi di eccessi di tifo tra gli spettatori di qualsiasi sport.Lo sport deve essere esclusivamente pura competizione.

0
1 Comment
  1. Marco 4 anni ago

    Carina l’immagine che hai usato e sono d’accordo con te sul fatto di “riprendere” il genitore che si accalora quando gioca il figlio. Anch’io mi arrabbierei se succedesse qualcosa del genere. Giusto come dici lo sport deve essere competizione rispettando gli altri. Ciao!

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account